stories

Via Nievo
Da Munari a Antinori con Marzia Corraini

Nel mezzo della crisi della carta stampata, il libro per bambini e ragazzi continua a vendere. “Per un motivo logico: l’elemento fisico, da vedere e da toccare, è imprescindibile. Da Munari a Antinori con Marzia Corraini

Toc, toc. I piccoli bussano alla porta della fantasia. A loro i libri piacciono: sono pagine da sfogliare, carta e cartone da toccare, forme da scoprire e colori che sono le vocali dell’immaginazione. Bruno Munari ripeteva che ai bambini bisogna insegnare ad aprire un libro per piacere e senza paura. E allora sì cresceranno come i lettori di domani. “Chi fin dai primi anni di vita viene abituato a maneggiare e a conoscere il libro come oggetto instaura con esso un legame importante che dura nel tempo” spiega Marzia Corraini. Lei, appassionata d’arte contemporanea, da anni si occupa di editoria per l’infanzia. Nel 1973 il marito Maurizio ha fondato a Mantova la Corraini Edizioni che oggi custodisce e diffonde il pensiero artistico e pedagogico di Bruno Munari. Per la storica casa editrice mantovana, l’artista e designer milanese, uno dei più grandi del Novecento italiano, ha realizzato diverse collane: storie, libri d’artista, favole. Un mondo su carta, fatto di sperimentazioni, di idee e materiali, combinazioni visivo-linguistiche di immagini e parole.

“Ha agito da progettista consapevole dell’evoluzione del bambino – aggiunge – Con lui il libro assume forme diverse: è triangolare, quadrato, tondo, con la copertina dritta o storta, qualcuno fa rumore, è pensato prima di tutto come un oggetto che può stimolare la curiosità e spingere alla scoperta”. Come accade nel capolavoro Toc, toc. Chi è? Apri la porta, pubblicato per la prima volta nel 1945 e ancora oggi in ristampa.

 

Toc Toc Chi è? Apri la porta - Bruno Munari - 1st edition 11/2013 © Maurizio Corraini srl
↑ Toc Toc Chi è? Apri la porta - Bruno Munari - 1a edizione 11/2013
© Maurizio Corraini srl

Per la loro forza dirompente e avanguardistica, per la loro vivissima attualità, le opere di Munari restano punti cardinale nell’editoria per l’infanzia, quella più distante dalle logiche del mass market. Un settore che, negli ultimi anni, ha dimostrato di reggere bene i contraccolpi del mercato editoriale, riuscendo addirittura a diventarne il segmento traino. Nel mezzo della crisi della carta stampa il libro per bambini e ragazzi continua a vendere. “Per un motivo logico: l’elemento fisico, da vedere e da toccare, non può non essere tenuto presente –  commenta Corraini . Dobbiamo riconoscere, poi, che stiamo attraversando un’epoca in cui si fa molta più attenzione al bambino”. Alla crescita dei volumi è corrisposto un aumento del numero di case editrici indipendenti e degli stessi standard produttivi. “Senza dubbio c’è stato un evidente miglioramento qualitativo – spiega Corraini – Sono nati molti nuovi, piccoli editori che stanno lavorando bene”. L’aumento dell’offerta è quindi corrisposto ad un innalzamento generale della qualità. “Fino a qualche anno fa era l’editoria francese a guidare il mercato – continua -. Ora anche l’Italia, per quanto riguarda il libro per bambini è ragazzi, è diventata un riferimento”.

 

Un sedicesimo - Gianluigi Toccafondo 05/2011 © Maurizio Corraini srl
↑ Un sedicesimo - Gianluigi Toccafondo 05/2011
© Maurizio Corraini srl

C’è poi un altro dato positivo. “Finalmente gli illustratori stanno prendendo consapevolezza del loro mestiere e così si stanno affermando professionisti preparati e promettenti, penso a Olimpia Zagnoli, Emiliano Ponzi – sottolinea -. Noi come casa editrice, oltre a stampare libri del passato ancora attuali, sperimentiamo tantissimo con i giovani emergenti e autori del mondo dell’immagine. Investiamo molto sulla ricerca di artisti che sappiano fare cose nuove, che sappiano ragionare su contenuti che siano nello stesso tempo forma e contenuto”. Tra le belle scoperte di Corraini c’è Suzy Lee, illustratrice coreana e autrice de La trilogia del limite. Fiere e festival sono i canali di ricerca diretti per nuove collaborazioni. Ma una buona quantità dei progetti che l’editore decide poi di sviluppare vengono direttamente recapitati agli uffici di via Nievo. Questo è un alce, proposta di Andrea Antinori, è arrivata via mail e si è trasformata in una pubblicazione. “Abbiamo un indirizzo al quale ogni giorno vengono inviate centinaia di mail, e noi rispondiamo solo quando qualcosa ci interessa davvero – aggiunge Corraini -. L’idea di quest’alce folle ci è piaciuta, così abbiamo risposto, e ora Antinori pubblica con noi”. L’ultima novità che la casa editrice mantovana ha presentato al Bil.Bol.Bul. di Bologna sono i libri cartonati di Yocci, nome d’arte della giapponese Yoshiko Noda. Il Re della Torta di Carote e le altre storie sono disegni che non parlano solo ai bambini. Sono libri, oggetti d’arte, e racconti che concedono anche ai grandi di bussare alla porta della fantasia.

 

Brand new!
Andrea Antinori ha appena pubblicato con Corraini L’entrata di Cristo a Bruxelles, liberamente ispirato al quadro omonimo di James Ensor. Lo trovi su ILIT 7+8 con il suo reportage dedicato alla capitale belga.

Un sedicesimo - Gianluigi Toccafondo 05/2011 © Maurizio Corraini srl
↑ Un sedicesimo - Gianluigi Toccafondo 05/2011
© Maurizio Corraini srl
Toc Toc Chi è? Apri la porta - Bruno Munari - 1st edition 11/2013 © Maurizio Corraini srl
↑ Toc Toc Chi è? Apri la porta - Bruno Munari - 1a edizione 11/2013
© Maurizio Corraini srl

Andrea Antinori ha appena pubblicato con Corraini L’entrata di Cristo a Bruxelles, liberamente ispirato dal quadro omonimo di James Ensor. Lo trovi su ILIT 7+8 con il suo reportage dedicato alla capitale belga.